Teatro

Sant 'Angelo

 

di Venezia

 

     

Costruito dall’architetto e scenografo Francesco Santurini, fu inaugurato nel 1677 con Helena rapita da Paride del Freschi. L’ edificio, prossimo al Canal Grande, appariva assai modesto: la sala disponeva di 136 palchetti. Ebbe un’attività sempre vivace, presentando numerose opere in musica in prima esecuzione assoluta. A lungo vi operò Vivaldi, dando vita a interessanti stagioni musicali. Nel 1747 Gasparo Gozzi ne assunse l’impresa — che velò per lui economicamente rovinosa — attuando la conversi del palcoscenico alla prosa. La sala passò quindi al Medebach che vi presentò molte opere di Goldoni, da lui scritturato come poeta di compagnia (1748-1753). In seguito il teatro perse importanza e si avviò al declino.

 

 

 

 

            A cura di Rodrigo             

 

www.haendel.it

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 03-11-04