Margherita De l'Epine 

     

Prove per un'opera, di Marco Ricci - Margherita è in piedi col manicotto

 

 

Margherita de l'Epine fu protagonista di altre diatribe, ben prima che le due regine del belcanto barocco, Cuzzoni e Bordoni, (forse la terza può vedersi in Vittoria Tesi) giungessero a Londra.
Francesca Margherita de l'Epine, una delle prime cantanti italiane apparse in Inghilterra, futura moglie del compositore John Christopher Pepusch (compose un pasticcio usando arie tratte da altre opere legandole con banali recitativi THOMYRIS, QUEEN OF SCYTHIA), e che ebbe il merito di far conoscere agli inglesi IL TRIONFO DI CAMILLA di Bononcini presentando arie tratte dall'opera, si godeva indisturbata gli applausi che le procuravano concerti e altri intrattenimenti musicali. Ma ben sappiamo che queste stasi d'estasi non durano, specie nel mondo dell'opera Barocca: ad un certo punto un'altra stella che oscurò la sua apparve: si trattava dell'inglese Caterina Tofts, altrettanto bella e simpatica quanto la sua rivale era sgraziata, sebbene pure la de L'Epine avesse i suoi sostenitori, fra i quali il conte di Nottingham, il cui sostegno non mancò neppure quando fu canzonato, per questo suo attaccamento a Margherita, dalla società elegante.
Questo clima inglese contribuì a creare anche in questo caso due fazioni contrapposte, acuendo la già aspra rivalità fra le due donne. La prima battaglia musicale stava sorgendo - come osserva George Hogart - in Inghilterra: gli inglesi, invece di apprezzare entrambe le abilità delle due cantanti, si abbandonò a forti confronti fra le due artiste, che sfociarono in calorose discussioni, e che spesso degeneravano in risse e grida.
Una sera Margherita de l'Epine insieme con fischi e scherni d'ogni sorta fu mira di una melarancia gettatale contro da una donna, che si scoperse al servizio di Caterina Tofts.
Ne uscì un bello scandalo, e l'8 febbraio 1704 il DAILY COURANT diffuse la seguente dichiarazione:

"Essendo Anna Barwick stata arrestata per aver dato occasione al tumulto avvenuto la sera del 5 Febbraio al Teatro Reale di Drury Lane, Mrs Tofts scrisse a propria discolpa la lettera seguente a Mr. Rich proprietario del teatro:
"Signore, io caddi dalle nuvole quando appresi che Anna Barwick, la quale era ultimamente al mio servizio, aveva commesso la villania lanciando aranci e fischiando mentre Mrs L'Epine, gentildonna italiana, cantava. Spero che a nessuno verrà in testa che ciò possa essere avvenuto col mio consenso. Io detesto simili cose e m'auguro che con una buona querela Voi provvediate affinché la colpevole abbia la lezione che le spetta. Sono, Signore, la Vostra umile serva Katharine Tofts" "

 

 

 

decorative line

 

 

A cura di Arsace

 

www.haendel.it

 

Ultimo aggiornamento: 13-05-05