Faustina Bordoni 

 

( Venezia, 1700 - 1781 )

 

 

 

Faustina Bordoni

Faustina Bordoni, mezzosoprano, nacque a Venezia nel 1700 e lì debuttò a 16 anni. 
Quando arrivò a Londra aveva già alle spalle dieci anni di carriera, avendo cantato in opere di Gasparini, Lotti, Leo e Vinci.
Nel marzo del 1723 in un giornale di Londra si leggeva
che "la celebre cantante Faustina stava per partire da Venezia per demolire la Cuzzoni e nello stesso tempo per portar in patria denaro sufficiente ad eternare con la costruzione di uno splendido palazzo la stoltezza inglese".
Questo già presagiva lo scontro fra titani in gonnella, infatti quando il contratto con la Royal Academy of Music divenne definitivo nell'estate del 1725, i giornali londinesi annunciarono, con enfasi, l'imminente lotta fra le due celebri cantanti del continente ed il pubblico spasimò per l'attesa di godersi lo scontro la sera in cui le due stelle del belcanto si sarebbero incontrate sul palcoscenico.

Faustina esordì il 5 maggio 1726 nel ruolo di Rossana nell' ALESSANDRO di Handel. Senesino era il protagonista e Francesca Cuzzoni interpretò Lisaura, la rivale di Rossana.
In
ALESSANDRO, il Caro Sassone seppe magistralmente comporre arie in cui le dive potessero dar sfoggio delle loro abilità, si potrebbe dire che compose arie ad hoc per le loro voci, in modo che l'applauso del pubblico potesse esser ripartito ugualmente fra le due. Faustina eclissava la rivale nella espressione del viso, nella grazia del corpo e nella nobiltà del portamento; ma nel resto le due cantanti erano più o meno allo stesso livello, sebbene la loro abilità si estrinsecasse in campi differenti: una prevaleva nel patetico, l'altra nell'allegro. 
La Bordoni cantò a Londra per altre tre stagioni, fino al 1728, interpretando anche: Alceste in "Admeto" (1727), Emira in "Siroe" (1726), Pulcheria in "Ricardo I" (1727), Elisa in "Tolomeo" (1728). 
Nessuno come Handel scrisse per una mezzosoprano passaggi di coloratura così ricchi d'inventiva e allo stesso tempo così complessi, neanche Johann Adolph Hasse, che sposò nel 1730. 
Tra le cantanti femminili Faustina era considerata la migliore rappresentante del "stile brillante". Era dotata di una vocalizzazione curata ed elegante e di una straordinaria velocità. Si distingueva soprattutto per la sua agilità nell'esecuzione delle vocalizzazioni e per la perfezione dei suoi trilli e delle "ribattiture di gola", la sua emissione era contemporaneamente leggera, rapida e pulita. Secondo i giudizi dei suoi contemporanei interpretava con grande espressività gli adagi in stile "spianato"; ma, secondo Celletti, in questo terreno la supremazia era di Francesca Cuzzoni, superiore per bellezza ed omogeneità del suono.
 
Tosi diceva: "Che bella cosa se i pregi artistici di queste due angeliche creature si potessero riunire in una sola persona!"
 
Quantz, che l'ascolto dell'ADMETO di Handel, ritenne che la Cuzzoni avesse una voce dolce, limpida ed estesa, una perfetta intonazione ed un canto ce rapiva l'anima degli ascoltatori, sebbene conservasse un'aura di freddezza e il suo corpo non fosse molto gradevole nella scena. Faustina invece - per Tosi - era piena di passione come attrice, eccelleva per la prodigiosa agilità della voce, che le permetteva di superare con facilità i passaggi che si sarebbero detti difficili per violino.
 
L'Arteaga riferendosi alla Faustina commentò: "Agilità di voce, cui non è facile trovare eguale, facilità senza pari, speditezza ne' passaggi, destrezza nel conservar e ripigliar il fiato, vaghezza nei trilli, nuovi e brillanti pastegiamenti di voce, mille altre qualità insomma, la rarità e il pregio delle quali viene stimato soltanto dai conoscitori, scrissero il nome di questa cantatrice nei fasti del Genio".
Secondo Burney "Aveva l'arte di tenere una nota più a lungo di qualsiasi altra cantante, respirando di modo impercettibile."
Si spense nel 1781 a Venezia.



 

decorative line

 

 

Bordoni: ritratti

 

Ode di Reindl

in Onore di Faustina Bordoni

 

La Saga dei Bordoni-Hasse

 

 

decorative line

 

 

A cura di Arsace & Rodrigo

 

www.haendel.it

 

Ultimo aggiornamento: 01-04-12