Thomas Augustine

Arne

 

( Londra, 1710 - Londra, 1778 )

 

 

 

 

Thomas Augustine Arne, chiamato "Il Dottor Arne", fu un prolifico compositore di musica per scena e di cantate, che operò a Londra, in pieno periodo handeliano, interagendo, seppur indirettamente, con Handel in diverse situazioni.  
Mentre fu in vita, i suoi lavori godettero di grande successo e divenne il più popolare compositore tra quelli di nascita inglese.

Arne nacque il 12 (?) marzo 1710 a Londra.
La sua propensione per la musica non tardò a manifestarsi, tanto che si narra che da giovane si esercitasse alla spinetta nella sua stanza, di notte mentre la famiglia dormiva, smorzandone il suono con un telo (curiosa l'analogia con l'aneddoto sul 
giovane Handel). Ma suo padre, Thomas senior, che aveva fatto fortuna come tappezziere, aveva previsto per il figlio ben altra carriera che quella del musicista e lo mandò a studiare legge (altra analogia con Handel) all'università di Eton.

Nel frattempo Arne ebbe l'occasione di conoscere il musicista e compositore Michael Festing, che poteva fregiarsi di essere Master of the King's Musick, che gli insegnò a suonare il violino ed ebbe su di lui una notevole un'influenza, portandolo a vari eventi musicali, come l'Athalia di Handel a Oxford nel 1733. Lo stesso Festing può aver persuaso il padre ad assecondare il talento del figlio lasciando che abbandonasse la carriera forense per intraprendere quella musicale.

In quegli anni Arne si industriò ad insegnare a cantare al fratello Richard e alla sorella Susanna, futura Mrs Cibber, evidentemente con successo, visto che ella in seguito si esibì in molte produzioni handeliane.
Il padre, trovatosi in casa  simili talenti, pensò bene di farne fruttare l'arte e li impiegò nel teatro di cui aveva assunto la direzione assieme ai compositori Henry Carey e Jhon Frederick Lampe, il
New (Little) Theatre di Haymarket, che, guarda caso, si trovava proprio di fronte a quello di Handel. La compagnia metteva in scena delle produzioni inglesi, pescando il materiale dove e come potevano, non esitando a piratare lavori altrui. Ebbene il 17 e 19 maggio 1732 allestirono l'Acis and Galathea di Handel, ma senza la sua autorizzazione. Il cast comprendeva, oltre a Susanna, anche il basso Gustavus Waltz, il "cuoco" di Handel!
La reazione del sassone non tardò: il 10 giugno a sua volta diede alle scene l'ACIS E GALATEA. Ma per essere sicuro di attirare il pubblico al suo spettacolo sottraendolo alla compagnia rivale, pensò bene di offrire qualcosa in più ricorrendo ai suoi cantanti italiani, ben più famosi degli sconosciuti Arne, e rimaneggiando pesantemente la partitura fondendola con la serenata Aci, Galatea e Polifemo del periodo napoletano. Fu un grande successo e la compagnia rivale dovette subito sospendere la "sua" Aci.  

Nel 1734 Arne compose il masque, Love and Glory, per celebrare il matrimonio della Principessa Anna col Principe d'Orange, ma Handel lo scavalcò dando alle scene il suo Il Parnasso in festa, HWV 73 e la celebrazione di Arne fu ignorata.
Al di là dell'evidente differente peso artistico, si tenga presente che Arne era cattolico e come tale partiva svantaggiato rispetto al protestante sassone quando si dovevano inscenare delle celebrazioni di particolare rilevanza per la corte.

Arne dimostrò notevole considerazione e rispetto per Handel, tanto che nel 1745 Arne che lavorava per il teatro di Drury Lane, annunciò su un giornale le sue rappresentazioni affermando: "Questo giorno è stato fissato per evitare ogni interferenza con Handel".

A sua volta Handel sembrò riconoscere il valore del suo più giovane collega e ne studiò la musica. Come sottolinea Lang:

"La musica di Arne non è incisiva, ma tenera e semplice; non presenta accenti drammatici e tensioni, ma offre felicità e tranquillità domestica  accattivanti in quanto espressione della classe media inglese. Arne è assolutamente l’opposto di Handel; gli manca la grandiosità eroica, ma proprio questa sua qualità affascinò Handel. L’influsso di questo raffinato compositore su Handel non è paragonabile a quella di Purcell, ma è comunque sensibile e reale."

Tale influsso è stato ravvisato da alcuni studiosi nell'oratorio Susanna, HWV 66 e nel masque Comus, HWV 44.

Nel 1737 Arne sposò Cecilia Young, una soprano che si era già distinta come interprete negli oratori di Handel, e che divenne una dei cantanti che collaborando col sassone per più tempo, 15 anni.

Arne compose parecchi masques di buon successo, ma alcuni non furono mai pubblicati e quindi sono andati persi, come del resto buona parte delle sue altre composizioni. Tra quelli pervenutici degni di nota sono Cornus  e The masque of Alfred. Il primo andò in scena al Drury Lane Theatre il 4 marzo 1738. Questo lavoro fu dato parecchie volte durante la vita di Arne e rimase popolare per ben un secolo dopo la sua morte, divenendo un modello di tipica musica inglese. Alfred venne composto nel 1740, assieme ad un altro masque The Judgement of Paris, per i festeggiamenti in onore del compleanno di una figlia del Principe di Galles, Augusta e anche per l'anniversario dell'ascesa al trono degli Hannover. Alfred contiene della splendide arie, tra le quali la celebre "Rule, Britannia!".

 

Arne

 

Il matrimonio con la Young non fu un successo. Lo storico della musica Charles Burney, che ebbe modo di conoscere bene la coppia perché fu apprendista presso Arne, disse di averle "provate tutte, e con qualche successo, pur di favorire l’armonia domestica... e arrivai a credere che se fossi rimasto con loro l’unione sarebbe durata più a lungo".
Burney non rimase a lungo al servizio di Arne perché, come scrisse poi nelle sue memorie, Arne era "avaro, egoista, sordido, tirannico e avrebbe voluto renderlo suo miserabile schiavo per la migliore parte della vita!". L'incontro con Burney era avvenuto nel 1744 quando il compositore, intuendo le notevoli doti di Charles, allora diciottenne, offrì alla sua famiglia di prenderlo a suo servizio per istruirlo all'arte della musica, con un contratto che avrebbe dovuto durare sette anni. Burney venne adibito a numerose mansioni: doveva dare lezioni agli scolari di Arne, suonare il violino o la viola nell’orchestra al Drury Lane, di cui Arne era il compositore ufficiale, trascrivere musica, ecc. Ma le sue fatiche non erano ricompensate in alcun modo da Arne, il quale si limitava a mantenerlo. Il Burney diventava sempre più insofferente nei confronti di Arne, non sopportandone più la totale dipendenza. Nel 1748 Arne sempre in cerca di denaro, letteralmente vendette il Burney per 300 sterline, ad un aristocratico, Grenville, amante della musica, il quale lo assunse al suo servizio con varie mansioni, a metà tra il domestico e il maestro di musica... ma questa è un'altra storia.

Il matrimonio di Arne con Cecilia si trascinò stancamente fino al 1756, quando durante un loro viaggio in Irlanda, Arne ritornò a Londra con una sua allieva, Miss Brent, lasciando la moglie a Dublino in pessime condizioni di salute. I due si separarono e Arne si impegnò a versare alla moglie una pensione di 40 sterline l’anno; promessa che intorno al 1770 non poté più mantenere per una mancanza di lavoro per il teatro che aveva ridotto considerevolmente il suo reddito: la moglie minacciò una azione legale.

Nel 1759 ad Arne venne conferito il titolo di Dottore in Musica all'Università di Oxford.

Nel febbraio 1762 Arne, che faceva parte di quel movimento teatrale che si prefiggeva di promuovere l'opera inglese "nello stile italiano", segnò il suo più grande successo mettendo in scena l'opera Artaxerxes al Covent Garden, che raccolse grandi consensi e rimase tra le favorite del pubblico tanto che venne allestita regolarmente fino al diciannovesimo secolo.

 

Rappresentazione dell' Artaxerxes di Arne

 

Arne si distinse anche nella composizione di musica strumentale che diede alle stampe in diverse raccolte: si ricordano le Otto Lezioni per Cembalo, le Sette Sonate per due Violini e le Quattro Sinfonie, che pubblicate nel 1767 testimoniano l’influenza su Arne dello stile sinfonico importato da J.C. Bach e Haydn con la loro permanenza a Londra.

Nell'ottobre del 1777, dopo una ventennale separazione, Arne e la Young si riconciliarono. Ma la loro felicità durò pochi mesi perché Arne si ammalò gravemente e morì il 5 marzo 1778.

 

 

 

 

 

 

Discografia

 

bullet

Artaxerxes
Catherine Bott, Spence, Robson, Partridge, Edgar-Wilson, Hyde

Parley of Instruments, dir Peter Holman & Roy Goodman
Hyperion (2 CD, 1995)

Opera seria, cantata in inglese

 

bullet

The masque of Alfred
Jennifer Smith, Christine Brades, David Daniels, Jamie MacDougall

Philharmonia Baroque Orchestra, Philharmonia Chorale, dir. Nicholas McGegan
DHM (1 CD, 1997)

Contiene la celebre aria "Rule, Britannia!"

 

bullet

Emma Kirkby Sings Mrs Arne
Arie di Arne, Handel, Lampe
Emma Kirkby, soprano

Academy of Ancient Music, dir. Christopher Hogwood
L'Oiseau-Lyre (1 CD, 1993)

Contiene l'ouverture dal pasticcio di Handel Alessandro Severo

bullet

In Vauxhall Gardens
Composizioni di
: Arne (English Cantatas n.6);
Abel; Boyce; Handel
Emma Kirkby, soprano

London Baroque, dir. Charles Medlam
Virgin Veritas (1 CD, 1996)

 

 

decorative line

 

 

A cura di Rodrigo  

 

www.haendel.it

 

Ultimo aggiornamento: 02-08-06