Citazioni su

Handel

     

Haydn (1791):

è « il maestro di tutti noi »

 

 

Mozart:

« Handel sa meglio di tutti noi che cosa farà effetto - disse una volta a Rochlitz - e quando decide di colpire, colpisce come un fulmine »

 

 

Beethoven:

Nel 1823 Edward Schultz fece visita a Beethoven: in questa occasione viene riferito che Beethoven affermò con molta decisione in tedesco "Handel è il più grande compositore che sia mai vissuto".

Beethoven si mise poi a parlare del MESSIAH con una tal passione e nobiltà di linguaggio come la produzione di un genio immortale: tutti gli astanti che ascoltarono il giudizio di Beethoven si commossero quando finì col dire:

"Vorrei scoprirmi il capo ed inginocchiarmi davanti alla sua tomba".

Nel 1824, Johann Stumpff ebbe con Beethoven la seguente conversazione per iscritto (ormai Beethoven era del tutto sordo)

"Chi voi credete sia il più grande compositore mai vissuto?"

"Handel - fu la sua immediata risposta - a Lui piego il ginocchio", e piegò un ginocchio sul pavimento.

Mi presi la libertà di scrivere (continua Schultz) di scrivere:"Dato che
proprio voi in persona, artista incomparabile nell'arte musicale, esaltate così tanto i meriti di Handel più di ogni altra cosa, dovete sicuramente avere le partiture delle sue composizioni"

"Io? E come io, povero diavolo, avrei potuto procurarmele?"

In quell'istante feci un voto segreto: Beethoven voi avrete le composizioni di Handel cui brama il vostro cuore, ammesso che da qualche parte si trovino.

Nel 1826 Stumpff adempì il voto donando l'edizione di Samuel Arnold delle opere di Handel. Gerhard von Breuning ne ricordò l'effetto: 
"Quando a mezzogiorno come di consueto entrai nella sua stanza, mi fece subito notare quelle composizioni ammucchiate sul pianoforte, mentre i suoi occhi brillavano di gioia.
"Guardate, questi me li hanno dati oggi. Queste opere mi hanno procurato gran diletto. Per tanto tempo ho desiderato di averle, perché Handel è il più grande, il più geniale dei compositori; c'è molto da imparare da lui. Per l'appunto datemi ancora quei libri!" 

 

 

Michael Kelly (cantante, 1826):

Una mattina, dopo aver cantato con lui [Gluck], disse: "Venite con me di sopra, signore, e vi presenterò a qualcuno che per tutta la vita mi sono dato cura e mi sono sforzato di imitare". 
Lo seguii nella sua camera da letto e di fronte alla testata del letto vidi un dipinto di Handel a grandezza naturale in una preziosa cornice.
"Ecco, signore, - disse - il ritratto del maestro ispirato dell'arte nostra. Quando al mattino apro gli occhi, alzo lo sguardo verso di lui con riverente timore e lo saluto come tale: spetta al vostro Paese il massimo encomio per aver riconosciuto e tenuto in gran conto il suo enorme genio." (Hogwood).




Edward Fitzgerald (1863):

Handel era in cuor suo un buon pagano all'antica e, fino a che non fu costretto a sottostare alla religiosità di moda in Inghilterra, restò fedele all'opera e alle cantate come ACIS AND GALATHEA, IL PENSEROSO di Milton, ALEXANDER'S FEAST, etc., in cui poteva gettarsi e divertirsi senza esser vincolato all'ortodossia. 
E queste sono, a mio avviso, le sue opere veramente grandi assieme ai CORONATION ANTHEMS che illustrano con un degno accompagnamento il fasto degli uomini.




George Bernard Shaw (1913)

E' da Handel che ho imparato che lo stile consiste nella forza delle affermazioni. Se si riesce a dire una cosa con un sol tratto incisivo, si ha innegabilmente stile: altrimenti si è al massimo un marchand de plaisir, un littérateur d'ornamento o un confezionatore di musica o un pittore di ventagli con cuoidi e cocottes. 
Handel aveva questo potere... Si può anche disprezzare ciò che piace, ma non ci si può opporre alla perentorietà di Handel.

Leigh Hunt:

Handel era il Giove della Musica. I suoi "Alleluia" aprono i cieli. Pronuncia la parola "Wonderful" come se tutte le trombe del cielo suonassero assieme.
Poi, quando scende in terra a gettare l'amore fra ninfe e pastori (giacchè le cose belle di tutte le religioni trovano posto in lui) le sue melodie stillano latte e miele ed il suo amore è la primavera dell'età delll'oro.





   

decorative line

 

 

A cura di Arsace

 

www.haendel.it

 

Ultimo aggiornamento: 13-09-04